This is Photoshop's version  of Lorem Ipsn gravida nibh vel velit auctor aliquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.uci elit consequat ipsutis sem nibh id elituci elit consequat ipsutis ...

Follow me on instagram

Contact us

Eighth Avenue 487, New York 
Phone: +387643932728
Phone: +387123456789

Blog

Home  /  Libri   /  Io, Rodari e i bambini

Io, Rodari e i bambini

Io, Rodari e i bambini.
Crescere per rimanere sempre meravigliati.
L’infanzia è un periodo molto bello ma delicato della nostra vita. Eppure da adulti abbiamo spesso solo pochi ricordi, qualcuno forse legato a un natale o a una pasqua o ancora a una gita, ma di come eravamo noi davvero spesso ce lo raccontano gli altri oppure ne rimane qualche traccia nel nostro presente. Il #bambino è per me fonte di illimitata speranza. Wordsworth, poeta del romanticismo inglese, in un suo componimento dal titolo The Rainbow scrive: The Child is the father of the Man, il bambino è il padre dell’uomo. Il bambino, spiega Wordsworth, è più vicino a uno stato divino celeste e gode per questo di particolare facoltà visiva che chiama Immaginazione. Quando il bambino diventa adulto si allontana dalla visione celestiale e cade nelle abitudini e preoccupazioni, allontanandosi inesorabilmente dall’Immaginazione. Da bambina la scuola non era quella di adesso o meglio la mia classe e maestra, devo ammettere, erano un po’ sui generis e con sui generis dico solo che noi un libro per le vacanze non lo abbiamo mai letto, un incontro con l’autore mai fatto e poi come si dice? Erano altri tempi. In ogni caso se la scuola non faceva la sua parte, la mia famiglia si. La famiglia è importante. Due sorelle maggiori che leggevano tanto e un papà con una certa visione delle cose che ci teneva venisse tramandata. Comprava libri di ogni specie e un giorno disse: “Questi sono per Giuliana!” Erano tutte le fiabe di Perrault, Grimm, Capuana, Anderson. Illustrate magistralmente. Leggevo in continuazione, fino ad impararle a memoria. Quelle parole, quel mondo, quel modo di guardare le cose avevano incontrato quello stato divino celestiale che tutti i bambini hanno, quel giorno si sono incontrati e non si sono più lasciati. L’incontro con i testi di Gianni Rodari, maestro elementare, pedagogista e scrittore italiano, mi ha fatto capire che quella cosa lì, ovvero far incontrare le fiabe con lo stato divino celestiale dei bambini, lo volevo fare anche io. Perché a me la fantasia, se ci penso, mi ha salvata un po’ dalle abitudini e dalle preoccupazioni. Rodari usa la #fantasia per educare, per forgiare il cuore, per far immaginare altri mondi, usa le parole per far comprendere non per insegnare. La pedagogia di #Rodari è tutta rivolta a dare valore il suo piccolo lettore perché Il bambino è il padre dell’Uomo, questo lo sapeva pure lui e tutti quelli che scrivono per bambini.

POST A COMMENT